Oro Saiwa – la community della prima colazione

orosaiwa

I biscotti che più di altri sono riusciti a costruire in anni recenti una solida immagine nelle menti dei consumatori sono stati senza dubbio i frollini della Saiwa, naturalmente stiamo parlando degli Oro, nome che ne sottolinea la semplicità e, allo stesso tempo, la ricchezza e la qualità di ingredienti e ricetta.

Anche chi non li ha mai assaggiati non stenterà a ricordarli se si fa cenno alle ultime campagne pubblicitarie che li hanno visti protagonisti. Sì proprio protagonisti, gli Oro Saiwa infatti sono quei biscotti che interpretano i diversi sport quando ci sono le olimpiadi o la colazione a casa di personaggi famosi.

orosaiwa1

Spot o pubblicità cartacea minimalisti che ruotano intorno alla creatività dei pubblicitari dell’agenzia Euro Rscg. Ed è proprio la creatività al centro della nuova iniziativa legata a questi biscotti, ma questa volta la Saiwa non si rivolge ai cervelli dei soliti copiwriter o grafici professionisti, bensì direttamente ai suoi consumatori proponendogli, come già hanno fatto altri brand, di contribuire alla creazione di nuove campagne pubblicitarie.

Ecco quindi l’ultima nata delle community 2.0, dove gli utenti saranno liberi di inviare le proprie proposte di colazioni o merende con gli Oro Saiwa, sotto forma di immagini o filmati: potranno poi votare quelle che reputeranno più belle, potranno utilizzarle inserendoli nei loro blog o inviarle ad amici e conoscenti sotto forma di cartoline elettroniche, oltre a poter invitare gli amici ad iscriversi alla community e partecipare con i loro lavori e progetti.

Insomma un vero e proprio social network, come va tanto per la maggiore ultimamente, ma specializzato per i creativi golosi di Oro Saiwa. Un’idea non certo nuova se si pensa ad esperienze già ben avviate come quella di Zooppa o l’ultima nata in casa Mulino Bianco, ma che vale la pena di segnalare come un altro buon esempio di aziende che si aprono alla comunicazione e decidono di creare un canale preferenziale per ascoltare quello che hanno da dire e da proporre i propri consumatori.

Report Dopplr 2008

dopplr

Pochi giorni fa mi è arrivato il report annuale dei miei spostamenti da Dopplr. Dopplr è un sito particolare, la cui utilità per molti è pari a zero, ma dietro al quale c’è un costante lavoro di miglioramento che lo rende uno dei miei siti preferiti. Dopplr è un sito dove appuntare i propri spostamenti, i propri viaggi e trasferte, è un sito utile per lo più per chi viaggia molto, vuole avere un po’ sott’occhio i propri spostamenti e, magari, condividerli con gli amici.

E’ probabile che molti lo vedano come una perdita di tempo, l’ennesimo sito dove registrarsi e perderci tempo, in realtà l’uso di Dopplr è talmente semplice e veloce che aggiornarvi i propri spostamenti è praticamente indolore. Nel corso del tempo poi il team di sviluppo ha aggiunto tutta una serie di integrazioni con altri siti che ne ha arricchito di molto l’esperienza d’uso, google calendar, facebook, flickr, wordpress sono solo alcuni dei possibili servizi online con i quali scambiare informazioni. Infine visto che è un sito di viaggi e spostamenti, naturalmente non manca la possibilità di leggere consigli e suggerimenti degli altri utenti o di lasciarne di propri.

A guardarlo adesso Dopplr, per quanto ancora molto snello e funzionale è molto più ricco di contenuti rispetto a quando è nato e continua a fare piccoli regali ai propri utenti, come questo pdf colorato che riassume gli spostamenti dell’anno.

Così è inevitabile, lo apro lo guardo e ho voglia di ripartire, di vedere posti nuovi, di tornare dove sono stato, magari per mangiarmi quel wurstel a Berlino che non ho preso o per vedere finalmente i castori che mi hanno fatto rompere la macchina o quello che ancora non ho visto, mangiato o vissuto. Insomma l’obiettivo di quest’anno sarebbe stare in giro più dei centoventuno giorni dell’anno scorso, a pensarci meglio però la cosa che vorrei di più sarebbe stare davvero a casa mia adesso che ne ho una.

(Se volete darci un’occhiata il mio 2008 è questo: Dopplr report 2008)