A Massimo Tartaglia

C’è gente che non si fa prendere alla sprovvista, gente che bisognerebbe assumere negli uffici marketing, gente che fa del cazzeggio e della cazzangularia uno stile di vita e allora ode a loro, emeriti intransigenti che non fanno passare cinque minuti prima di creare un gruppo su facebook in onore di quello che fino a cinque minuti fa era un illustre sconosciuto. Che culo.

A Massimo Tartaglia, che colpì Berlusconi con un pugno, un cazzotto nudo, un bacio o una statuina del duomo, discretamente Facebook pose.

Grazie a Maxime per la segnalazione.