Dialoghi nel sonno

– Tu! Miserabile puttana! vuoi rovinare mio figlio, per mille euro fetenti.
– Mille euro la prima volta…
– Come osi contraddirmi? come osi raccontare certe cose false e tendenziose?
– Ma veramente…
– Taci zoccola impudica e maliarda.
– Signo’, questo sogno è mio.
– Ti avverto, non te la caverai così facilmente.
– Ma voi chi siete?
– Io sono la mamma.
– Ma voi siete morta.
– Pure questo è vero.

Reprise
– Signo’, me li volete dare i numeri?
– Ne ‘a fa ‘e bucchini!*

*Devi farne di pompini