I gruppi di mia cugina su Facebook 2

Mi cugina quasi omonima continua ad aggiungersi a gruppi improbabile, il fatto che non abbia raggiunto ancora l’età della ragione non è una scusa:

Quelli che adorano guardare il mare… – adesso aspetto che si iscriva al gruppo quelli che amano sciare in montagna.


“Hai una penna?” “No,mi disp” “Waa nun si bbuon prp!” “Ma xkè tu a tien??”
– Tipico dialogo tra pre-adolescenti salernitani con poche idee e dall’umorismo esile. (Traduzione: – Hai una penna? – No, mi dispiace. – Mamma mia, non sei proprio capace di far nulla! – Se mi giudichi da questo, allora devo dedurre che apparteniamo alla stessa categoria di persone da poco?)

Quelli Dello ♥ Scentifico ♥ ..??… Nettamente speriori!!!! – L’errore nello scrivere scientifico è veramente un colpo di genio.

Come saprei amarti io , nessuno saprebbe mai!!!!!!! – sarà, ma intanto ti ha mollata.

*♥..pOrtami in un mOndO dOve i miei sOgni insieme a te diventanO realtà..♥* – e tu portami in un mondo dove esistono ancora le O minuscole.

I gruppi di mia cugina su Facebook

Io ho una cugina, quasi omonima, che passa le giornate ad aggiungersi a gruppi stronzi su Facebook. Non so se abbia un innato senso del trash, ci creda veramente o lo faccia solo per fare felici i casi umani che ha come amici, fatto sta che raccoglie davvero delle primizie. Ecco ad esempio gli ultimi cinque:

..aspettare nn è inutile..chi ti vuole veramente bene torna sempre.. – Seee, come no.

Per tutti quelli che ogni tanto hanno scatti sclerotici!!!! – Allore è meglio non contraddirli.

“Ma devi tentare,perchè se non hai tentato,non hai mai vissuto” – e già.

Quelli ke a scuola facevano compagnia ai bidelli durante le lezioni – e che hanno paure di usare le h.

“fai lo stronzo&prendi in giro?!attento,sno+stronza di te!” – senza parole.

Ma che davvero esiste? ovvero i gruppi di Facebook che non avete avuto mai il coraggio di chiedere

Negli ultimi mesi Facebook è sulle prime pagine di tutti i giornali, nei servizi dei telegiornali e vorrei dire sulla bocca di tutti i giornalisti, ma ultimamente li vediamo piuttosto impegnati a fare dell’altro, e non sono con la lingua. Dopo una cattiveria gratuita per una categoria di illustri professionisti, torniamo all’argomento di cui volevo parlarvi oggi, i gruppi di Facebook più belli che ho incontrato ultimamente.

Su Facebook ognuno è libero di creare i propri gruppi e condividerli con gli amici, gruppi che riflettono le proprie passioni, hobby, interessi, ma che possono anche svolgere una funzione di utilità sociale, essere gruppi di protesta, punti di aggregazione, insomma sono uno strumento multiforme che ognuno può adattare alle proprie esigenze specifiche. Qualcuno nel farlo forse si è impegnato un po’ troppo.

Amanti dello schiaffo sul sedere durante la pecorina: Ormai anche vostra madre lo conosce, il più celebre dei gruppi di Facebook. Per chi ama darli, per chi ama riceverli, per chi ci si iscrive per farsi due risate, per chi la prende sul serio. Un gruppo con più di centomila iscritti e che vanta numerosi tentativi di imitazione (il gruppo per lo schiaffo e la tirata di capelli, il gruppo per le ragazze che scalciano, ecc). Insomma se non vi siete già iscritti forse siete membri solo del gruppo seguente.

Depenalizziamo il reato di masturbazione dopo solo 3 sgrullate: Riporto pari pari dalla descrizione “Ragazzi!!E’ arrivato il momento di prenderci la nostra rivincita. Non è giusto accusare persone di masturbazione solo perchè vogliono essere tranquilli e asciutti. Combattiamo le miriadi di zozzoni-sgoccioloni che ci sono nel mondo. Aboliamo il reato di masturbazione dopo solo 3 sgrullate ed anzi alziamo il limite a 8-10.Saremo tutti più puliti e concederci anche qualche piccolo piacere sotto l’ala benevola della legge.” Il gruppo è nella categoria “sport estremi”.

ome andare a lavorare sui tacchi a spillo e non tornare a casa in barella: Un gruppo di utilità sociale per tutte le donne (ma non solo) che sentono la necessità di dimostrare la propria femminilità al mondo interno con encomiabile sprezzo del pericolo, per la donna che non dice mai non ce la faccio con il mio tacco dodici. Il fatto che il nome del blog presenti un refuso è probabilmente voluto, per avvicinare il target.

Abbandona la PIMPA all’autogrill!: La cagnetta imbecille con una malattia esantematica apparentemente non mortale non riscuote le simpatie di tutti, così anche chi è contrario all’abbandono degli animali si trova costretto a chiudere un occhio mentre altri si lasciano semplicemente andare allo sconforto come lamenta una madre disperata “Non la sopporto più!! Non mi è mai piaciuta neanche da bambina, eppure mio figlio guarderebbe solo lei”. Sarà la legge del contrappasso?

Secondo me Ambrogio se la trombava di brutto la tipa dei Ferrero Rocher: Il sospetto l’avevamo avuto un po’ tutti, ma era sempre stata una voce captata sulle frequenze di Radio Serva, ora, con la rete che libertà di parola, ognuno è libero di poter dire quello che pensa. Anche quello che fino a poco fa si poteva solo mugugnare con la bocca piena di cioccolatini, adesso lo si può gridare al mondo interno. Ambrogio, tu pensi a tutto.

Per quelli che il doppio senso è uno stile di vita…: Sulla pagina del gruppo campeggia il grande Rocco Siffredi immortalato nella pubblicità delle patatine Amica Chips. Per chi lo credesse un gruppo di maliziosi dalla battuta facile, be’ siete in errore, il gruppo è stato creato da una ragazza assai timida che spesso trova dei doppi sensi in quello che dice e teme che l’interlocutore di turno possa equivocarla. Si sentiva sola e ha creato il gruppo, se vi va datele una mano, se avete pensato male leggendo l’ultima frase iscrivetevi al gruppo.

Noi scout siamo un po’ una setta: Noi che li abbiamo sempre considerati dei bambini vestiti da cretini o cretini vestiti da bambini, non possiamo entrare nella setta, ma anche gli scout hanno il loro gruppo su Facebook dove incontrarsi, discutere e fare outing. Più di tremila iscritti, un muro con trecento interventi e una discussione sui totem che sfiora i duecento messaggi. Come temevo, una setta di invasati.

Cancelliamo il ddl Carfagna….abbiamo diritto al puttan tour!!!!: Chi non è mai stato almeno una volta con gli amici a fare un giro nelle zone della propria città dove ci sono delle prostitute? una mezz’ora goliardica passata a guardare e non toccare, a fingere di contrattare, a dire una battuta volgare e sentirsi rispondere con una ancora più volgare. D’altra parte è vero che così si fa perdere tempo a queste ragazze che, come il ministro, stanno lavorando.

San Antonio, martire delle Catene del copia incolla e dell’inoltro mail: Stanchi di ricevere mail di barzellette dell’anno prima, sì ma prima della nascita di Cristo? Esasperati da powerpoint pseudo zen che promettono una vita migliore se smettere di parlare con l’autista? Incazzati con la collega che non mandate a quel paese solo perché sperate che prima o poi si decida a mollarvela? Mentre il Vaticano sonnecchia nella sua bambagia dorata, è la devozione popolare a caricarsi sulle spalle il santo e a portarlo in giro per le vie di Facebook, questo è il gruppo che vi serviva.

E per finire una raccolta in breve di altri gruppi che meritano menzione.

Per la serie contenti loro: Amici del raccordo anulare.
Per la serie occhio di falco: quelli che….la tipa del grande fratello ha le tette troooooooppo grosse.
Per la serie Funari non era un coglione: fans panino con la mortadella.
Per la serie “lì dove c’era l’erba ora c’è una città”: il problema è che abbiamo asfaltato i prati e non i preti.
Per la serie separati alla nascita: Ma Pippo Baudo assomiglia a Gargamella????