Dormi 2 – Addendum

Quando scrissi Dormi non ero mai stato a Varsavia e forse il nome del libro di Stasiuk mi era rimasto impresso dopo averlo letto chissà dove, non conoscevo ne né il nome dell’autore, né la trama(1). Adesso la mia casa è lì, proprio nel quartiere dove Stasiuk è cresciuto da giovane e leggerò il libro con la nostalgia del figlio adottivo.

Il libro è fuori catalogo da Bompiani, ma credo che online lo si possa ancora trovare, alla FNAC di Genova mi avevano detto che non era ordinabile, ma io ricordavo di averlo visto sul sito internet, così ho provato ad ordinarlo da lì e tempo una settimana è arrivato gratuitamente al negozio di Milano.

Se ordinate qualcosa sul sito internet di Fnac e volete ritirarlo in negozio dovrete poi andare al ritiro acquisti, non fate come me che sono andato al reparto libri a mettere un po’ in crisi una commessa molto gentile, preoccupandomi di dovermi rivolgere ad eBay o a qualche reminder.

Sto provando a leggerlo, ma ad ogni nome di strada o di posto mi chiedo se io non ci sia stato, se i palazzi sono ancora così come li descrive e quante delle cose che leggo sono ormai perse. Ma d’altra parte questo era proprio il motivo per cui volevo leggere questo libro.

1 Né pensavo che sarei mai stato in grado di pronunciare il nome originale del libro, che è Dziwięć, nove, come nove diventi “il cielo sopra Varsavia” poi deve venire Laura Quercioli Mincer, la traduttrice, a spiegarmelo.